Chi siamo

La Storia

L’Erboristeria Demetra nasce nel gennaio 1985, fondata dai fratelli Marco e Fabio Ambrosi, entrambi erboristi diplomati presso la Facoltà di Farmacia dell’Università di Urbino.
Demetra è la dea greca delle piante, della terra e della fertilità.

Dal 1990 una nuova importante figura entra a far parte dell’organico direttivo della Demetra. Anch’ella erborista diplomata, Isabella Piccoli, moglie di Marco svolgerà poi compito essenziale nella consulenza e gestione clienti.

L’arrivo di Isabella Piccoli coincide con l’orientamento del Dr. Fabio Ambrosi verso un settore prettamente di consulenza e documentazione naturopatica e medica cui è impegnato da anni ad approfondire.

Nel 2017 entra a far parte del team Demetra in qualità di collaboratrice la Dott.sa Silvia Battistiol, laureata in Scienze Farmaceutiche Applicate presso l’Università di Padova.
Nel 2018, proseguendo una tradizione familiare di oltre trent’anni entra a far parte del direttivo Demetra Giulio Ambrosi, laureando in Farmacia presso l’Università di Urbino.
Dal 2020 Demetra si avvale nuovamente delle competenze del Dr. Fabio Ambrosi in qualità di consulente indipendente. Il Dr. Fabio Ambrosi dopo l’uscita dalla Demetra nel 1990, si è laureato in Inghilterra prima, specializzandosi poi negli Stati Uniti “Medical Naturopath” ed in Fisioterapia presso l’Università di Chieti-Pescara e gestisce un suo studio a Piavon di Oderzo (TV).

Laboratorio anno 1985
Negozio anno 1985

Demetra è la dea greca delle piante, della terra e della fertilità

Il logo Demetra è ricavato da un altorilievo del Museo Archeologico Opitergino (sec. I d.C.) e raffigura in alto una fronda per benedire, al centro un piatto lavorato a forma di fior di loto e in basso un probabile “simpulum“, una specie di cucchiaio utilizzato nelle cerimonie sacre. Le due immagini più alte possono ricordare, secondo una lettura simbolica aperta, gli elementi della pianta; fusto, fronda, fiore, mentre quella in basso, un utensile creato dall’ingegno umano; così gli elementi vegetali elaborati dall’uomo, divengono preparazione erboristica.

Il motto “In labore requies” (nel lavoro la pace) è un riflesso della tradizione monastica della zona, molto legata allo studio ed alla preparazione delle piante medicinali.
Proviene dall’Abbazia di Sesto al Reghena (PN) e risale al sec. XV.